News

Abusi edilizi, quando la multa può fermare le ruspe?

13/12/2019 – In presenza di un abuso edilizio bisogna sempre emettere l’ordine di demolizione. Solo in un secondo momento, cioè nella fase esecutiva, l’Amministrazione competente può decidere di sostituite la demolizione con il pagamento di una sanzione. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 8285/2019.
 
Abusi edilizi, il caso
Il caso esaminato dai giudici trae origine dalla richiesta di condono per l’ampliamento di un immobile situato in un’area sottoposta a vincolo sismico e paesistico. Il Comune, dopo aver negato il condono, aveva notificato al proprietario l’ordine di demolizione delle opere realizzate e imposto il ripristino dello stato dei luoghi.
 
Il proprietario aveva quindi chiesto un nuovo accertamento di conformità per la sanatoria delle opere. Sanatoria nuovamente negata dal Comune perché, anche se l’opera si trovava nella sottozona B2 (completamento edilizio) e risultava conforme..
Continua a leggere su Edilportale.com

Fonte: Edilportale

Accordo Geometri-INVIMIT, CNI: 'non c'è invasione di campo ma vigiliamo'

13/12/2019 – L’Accordo di collaborazione tra Consiglio Nazionale Geometri (CNGeGL) e INVIMIT, d’intesa con la Cassa Geometri, per la gestione del patrimonio pubblico non genera nessuna invasione di campo, sul fronte delle competenze, da parte dei geometri; quando si parla di “interventi di efficientamento energetico di grandi complessi immobiliari”, infatti, l’accordo prevede solo la 'gestione' e non l’intervento tecnico diretto di un geometra.
 
Questa, in estrema sintesi, la risposta del Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) per tranquillizzare i propri iscritti dopo alcune segnalazioni esprimenti preoccupazione per la notizia che tale forma di collaborazione potesse estendersi agli interventi di efficientamento energetico di grandi complessi immobiliari, superando le competenze professionali dei geometri.
 
Accordo geometri- INVIMIT: da dove nasce e cosa prevede  
Il CNI chiarisce l’esatta portata dell’Accordo..
Continua a leggere su Edilportale.com

Fonte: Edilportale

Asili nido e scuole dell'infanzia: 2,5 miliardi di euro in 15 anni

12/12/2019 – Un Fondo da 2,5 miliardi di euro in 15 anni per mettere in sicurezza, ristrutturare e costruire asili nido e scuole dell’infanzia. Lo istituisce un emendamento di Italia Viva alla Legge di Bilancio, approvato in Commissione Bilancio del Senato.
 
Il nuovo Fondo ‘Asili Nido e Scuole dell’infanzia’ sarà gestito dal Ministero dell’Interno e avrà una dotazione pari a 100 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al 2023 e di 200 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2024 al 2034. Un Fondo identico era previsto nella prima bozza della Legge di Bilancio ma poi è scomparso dalle bozze più recenti e adesso torna con la proposta emendativa approvata in Commissione.
 
Il Fondo istituito dall’emendamento è finalizzato a “progetti di costruzione, ristrutturazione, messa in sicurezza e riqualificazione di asili nido, scuole dell’infanzia e centri polifunzionali..
Continua a leggere su Edilportale.com

Fonte: Edilportale

Il soppalco può rendere la casa 'di lusso'

12/12/2019 – Per determinare se un immobile è di lusso, e pertanto escluso dai benefici prima casa, è necessario considerare anche la superficie dei soppalchi.
 
A sottolinearlo l’Agenzia delle Entrate in un articolo in cui commenta e spiega la sentenza 29643 del 14 novembre 2019 della Corte di Cassazione che fornisce chiarimenti in relazione al criterio di calcolo della superficie utile.
 
Cosa rende un’abitazione ‘di lusso’
Nella sentenza i giudici ricordano che il DM 1072/1969 individua le caratteristiche che qualificano come “di lusso” le abitazioni; sono, ad esempio, quelli con superficie superiore a 240 mq (esclusi balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti macchina), piscina superiore a 80 mq, eccetera.
 
Inoltre, l’articolo 8 dello stesso DM stabilisce che sono considerate “di lusso” le case e le singole unità immobiliari che presentano più di 4 delle caratteristiche..
Continua a leggere su Edilportale.com

Fonte: Edilportale